mercoledì 20 marzo 2019

Aspettando il Platinum



I metalli preziosi non sono solo l’oro e l’argento. C’è anche il platino, per esempio. Poi ci sono il palladio, il rutenio, l’iridio, il rodio e l’osmio. Ma quali hanno tradotto gli inglesi? Gold e silver, oro e argento… c'era da immaginarselo! Per gli altri si sono tenuti il termine latino, tanto una collana di rutenio non la vendono a nessuno.
Noi che scriviamo racconti di fantascienza e non siamo del tutto normali abbiamo pensato di nominare le nostre antologie con i metalli nobili. Quindi siamo partiti con Alien Gold, poi Alien Silver e prossimamente arriverà Alien Platinum (è in inglese, anche se in latino si scrive uguale).
Beh, le idee per le storie non mancano, ma stiamo per finire i metalli… e saremo costretti a rispolverare il latino, allontanandoci dall’inglese che suona sempre bene.

Che poi la collana la vendiamo anche noi, non sta intorno al collo ed è formata da una serie di libri, ma sempre collana è!

lunedì 11 marzo 2019

Fanta Robin


Robin Hood l’origine della Leggenda è un film di fantascienza? Beh… quasi! Nel senso che fa parte di quei film che prendono un classico e lo ripropongono in veste alternativa, volutamente anacronistica e a tratti al limite del grottesco.
Lo sceriffo di Nottingham è lo stesso Ben Mendelsohn che ha interpretato il Direttore Imperiale Orson Krennic in Rogue One: A Star Wars Story. E praticamente è ancora vestito da imperiale!
Robin Hood (il Taron Egerton di Kingsman Secret Service) pare il personaggio di Assassin’s Creed e combatte con le stesse improbabili acrobazie viste sulla Ps4.
La rappresentazione delle crociate ricalca fedelmente Black Hawk Down: sembra di stare a Mogadiscio bombardata ai livelli di Stalingrado! Che ci sia stato un incessante martellamento di trabucchi cristiani? Forse…
Tuttavia le somiglianze con la guerra moderna sono evidenti, i crociati avanzano stile marines, puntando l’arco come fosse un fucile d’assalto M4. C’è pure l’immancabile cecchino che, dalla torre a cupola, spara con un’arma a metà strada tra la balista e la mitragliatrice.
Little John nero (Jamie Foxx) sarebbe una bella trovata, se nessuno avesse girato Robin Hood Principe dei ladri, del 1991, col moro Azeem interpretato da Morgan Freeman.
Le guardie di Nottingham ricordano gli stormtrooper di Star Wars, con l’unica differenza che sono nere (il nero va su tutto ed è perfetto per i cattivi), impugnano balestre-mitra che sputano raffiche di dardi e, come gli stormtrooper, hanno una mira pessima.
Gli abitanti di Nottingham sembrano più newyorkesi che inglesi del 1250, molti di loro sono di colore e la festa è degna di Las Vegas, ci sono perfino le puntate alla roulette. I contadini che insorgono (nel film li chiamano contadini, ma lavorano in miniera) lanciano molotov sulle guardie che avanzano protette da scudi anti sommossa simili a quelli delle polizie moderne.
Infine, per la battaglia nella miniera è stata scelta una fabbrica, si notano i pilastri in cemento armato e le vetrate a scacchi.
Ecco, Robin Hood l’origine della Leggenda non è un film di fantascienza, ma è come se lo fosse...

venerdì 8 marzo 2019

I nazisti al cinema



Il film Overlord è un mix di guerra, horror e fantascienza e riprende il tema del supersoldato zombi dei vecchi videogames Mortyr e Wolfenstein. I nazisti sono una grossa risorsa per gli autori di tutti i generi letterari e cinematografici: il colpo sul pubblico lo fai sempre e J. J. Abrams lo sa benissimo, come lo sapeva George Lucas nel 1977 quando si ispirò proprio ai nazisti per gli imperiali del suo Star Wars.



Un discorso a parte va fatto per la nuova serie di videogiochi Ps4 Wolfenstein, che ruba l'idea a Philip K. Dick dal romanzo La Svastica sul Sole. Certo, rende ipertecnologici i Nazi che hanno conquistato il mondo, non menziona i Giap, cambia radicalmente la storia ma siamo comunque al limite del plagio.



Il terzo esempio di sfruttamento dei nazisti, forse il più originale, che ha osato di più e che non ha ancora ricevuto l’attenzione che meritava da parte del pubblico è Iron Sky, di Timo Vuorensola. L’idea è semplice: alla fine della Guerra i nazisti sono fuggiti sulla Luna, hanno hanno messo insieme un esercito e si preparano a invaderci con dirigibili e dischi volanti a gasolio (il genere del film è dieselpunk).



Il secondo capitolo della serie osa ancora di più: la razza rettiliana dei Vril, che ha sempre abitato la Terra cava, è l’artefice delle tirannie che hanno oppresso gli uomini della superficie nel corso dei secoli. I più terribili sovrani del passato erano rettiliani, così come ogni spietato dittatore. E infatti Hitler era un rettiliano! Il pubblico lo ritroverà a cavallo di un tirannosauro Rex nell’ennesimo film folle, grottesco, ma soprattutto geniale.






venerdì 1 marzo 2019

Delos Digital e i camionisti dello spazio



Camionista dello spazio”, John Ellroy amava sentirsi proprio questo. Anche se in realtà il suo lavoro era “pilota di cargo per il trasporto merci tra la Terra e le colonie”.
Sorseggiò piano la sua tazza di caffè bollente, e abbassò tre levette in sequenza sulla consolle. Sul vetro della nave, in alto a sinistra, comparve la simulazione della mappa stellare, con la posizione corrente. Al di là del vetro, invece, il cosmo nero puntellato di stelle continuò a venirgli incontro.
L’ammasso di ferraglia su cui viaggiava scorreva nello spazio, illuminato dalla luce lontana del Sole. Innumerevoli tubazioni si inseguivano sulla sua superficie, interrotte da grate, boccaporti e torrette d’ispezione. Sulla lunga dorsale stavano aggrappate quattro serie di grandi cisterne, divise in gruppi di tre. Molte luci brillavano prepotenti qua e là. Seguiva il tutto la sezione motori con sei ugelli che sputavano un’intensa scia luminosa bianca.
Nadyria! Questo era il nome del “camion” spaziale. Ma era solo John a chiamarlo così, in onore dei miti passati. Negli spazioporti lo chiamavano mercantile X79 della Compagnia Nardus. Una delle più grandi società di trasporto del settore.
Una voce femminile, calda e sensuale, sussurrò delicata.
«Buongiorno, John».
«Buongiorno, Katie, sono sveglio da almeno dieci minuti. Avvia il check up della nave, voglio un controllo accurato» sorseggiò ancora.
«Come vuoi, tesoro».
John appoggiò la tazza sulla consolle e attese.
Se il computer interagisce parlando, perché chiamarlo computer? C’erano una serie di nomi già impostati di default e Katie lo faceva sentire sicuramente meno solo. E tra le voci possibili c’era l’amico che scherza al bar, la splendida donna sexy, il capitano di vascello molto autoritario e il compagno gay... cosa valeva la pena scegliere? Era ovvio! La splendida donna sexy.
Anche se, negli ultimi giorni, si era reso conto che quella voce cominciava a stancarlo. E non era colpa di lei, lo sapeva bene.
Era per colpa delle donne, e dei casini che gli avevano combinato.
«Lo sai, Katie? La mia ex moglie rimarrà ex...»
Ci fu il silenzio per qualche attimo. Il computer stava elaborando la risposta più azzeccata, chissà in base a quale variabile.
«John, non dirmi che hai provato a parlarle, dopo quello che ti ha fatto».
«L’ho perdonata».
«È scappata col dottore, e tu l’hai perdonata?»
«Non stanno più insieme».
«E va bene, che ti ha detto? Perché non vuole tornare con te?»
«Dice che sto via per mesi. Non è sicura di riuscire ad aspettarmi. E che le nostre strade devono prendere direzioni diverse».
«John, sei sempre il solito sentimentale... pazienza, vorrà dire che ti avrò tutto per me».
«Sono elettrizzato, Katie».
Che fosse il momento di spegnere il computer? Stava diventando irritante, John pensò seriamente di entrare nel programma e passare al capitano di vascello. Sì, forse una voce impersonale che parlava con distacco era la soluzione giusta. O forse no.
«John, puoi avere tutte le donne che vuoi. Sei bello!»
«Me ne basta una, Katie» disse sorridendo. Che ne poteva sapere di donne, quella macchina? Magari l’aveva programmata proprio un uomo.
Si alzò e andò dietro, scostò la tendina che separava il vano pilotaggio dall’altra sezione, quella ricreativa. C’era un portello che avrebbe dovuto aprirsi e chiudersi in modo scorrevole, ma lui lo detestava e l’aveva bloccato. E aveva messo la tendina.
Passò. Nell’altra sezione c’erano tutte le sue cose tra cui un vecchio cappello da cowboy appeso e una bandiera confederata che prendeva buona parte della parete.
I confederati avevano perso la guerra di secessione. Per questo gli stavano simpatici. Avevano sempre perso, come lui. Ed erano stati uomini dei suoi posti, del Tennessee. E quindi un pezzettino di quella bandiera rossa incrociata di blu con le stelle bianche rappresentava la sua terra.
I confederati erano razzisti? Sì, quelli di un tempo. Le giacche grigie che combattevano contro le giacche blu per mantenere la schiavitù... ma si parlava di preistoria. Oggi, nel 2968, tutto questo non aveva più alcun significato. L’unica cosa importante era aggrapparsi a qualcosa che identificasse l’uomo col luogo in cui questo era nato, visto che la Terra era ormai diventata un’unica città e le nazioni si erano tutte fuse in una sola.
E poi c’erano le altre cose, in quella stanza. C’era un vecchio flipper funzionante, l’area bar, il grande monitor per vedere film e giocare con i videogames.
Che palle! Pensò John. Quando ti offrono questo tipo di lavoro dicono che è una passeggiata, che tutto scorre liscio come l’olio. Anche una scimmia sarebbe in grado di portare la merce a destinazione. Ebbene, hanno ragione! S’intristì.
«John...» la sensuale voce di Katie lo raggiunse anche nell’area ricreativa, il computer lo sentivi dappertutto.
«Che succede?» rispose lui.
«Ho finito il check up. Ho i risultati e c’è un problema».
«Visualizza l’immagine olografica della situazione».
Al centro della stanza si materializzò l’immagine. Era la mappa tridimensionale della nave, fatta di linee colorate. Vicino alla sezione motori un elemento lampeggiava in rosso.
«Ingrandisci. B-9».
E lei ingrandì l’elemento incriminato.
«È uno dei vaporizzatori di carico, Dobbiamo sostituirlo, o tutta la sezione si surriscalderà» con la mano si coprì la faccia, poi scese giù fino al mento. Faceva sempre così quando era preoccupato.
Si mosse veloce verso il vano pilotaggio, scostò la tendina, entrò. Si sedette sulla poltrona davanti alla consolle. Attraverso il vetro vedeva lo spazio, milioni di stelle e Saturno, o meglio, una sua parte... in basso a destra.
In alto a sinistra, Katie, mostrava tutti i dati importanti. La mappa della nave, il check up e il pezzo in avaria. Sotto, la distanza da Saturno e dalle sue lune, la velocità e i possibili punti di entrata in orbita.
«Katie, voglio le coordinate per la stazione rifugio più vicina».
Passarono alcuni istanti di elaborazione. Poi, il computer produsse il suo risultato.
«Stazione Idra, sulla luna Encelado. Coordinate 2.53.7 e 4.73.21».
«Atterriamo lì, non voglio rischiare danni maggiori».
«John, ti ricordo che la Compagnia ti impone come data di rientro il 15 febbraio, e siamo già al 10».
«Lo so, ma è meglio ritardare, piuttosto che non arrivare per nulla!»
John impostò le coordinate manualmente. Afferrò la cloche e portò il bestione sulla nuova rotta. Prese a virare verso Saturno.
La stazione Idra era stata costruita in un’area piana in mezzo alla zona montuosa di Encelado.
Si sviluppava in profondità con alloggi per clienti e personale. In superficie cresceva la struttura fortificata protetta dalla barriera antimeteoriti. C’erano il bar, l’area ristoro e tutti gli hangar coi meccanici e le zone rifornimento. Alcune astronavi stazionavano sui piazzali. Ce n’erano di tutti i tipi: due navi turistiche, una pattuglia della polizia e alcuni cargo mercantili.
Il Nadyria spuntò tra le stelle, sopra la stazione. E lentamente, prese a scendere.
Toccò terra sbuffando vapore da tutte le parti. Scricchiolii e pistoni che scorrevano assestarono la struttura.
E finalmente fu fermo.
La bassa gravità permetteva questo. Sulla Terra sarebbe stato impensabile un atterraggio del genere. Ma tanto non era necessario. Intorno alla Terra c’era la stazione orbitale e i mercantili attraccavano, scaricavano le merci che venivano portate giù dagli shuttle. Poi ripartivano, possibilmente carichi col materiale per le colonie, perché viaggiare vuoti non paga. E a volte, addirittura, si rimaneva inattivi per giorni, pagando la sovrattassa di ormeggio, nella speranza di acchiappare qualche buon ordine di trasporto.
Il portello scorrevole che dava sull’esterno si aprì. Entrò aria fresca. La barriera antimeteoriti formava una cappa energetica stagna che riproduceva le condizioni ottimali terrestri: temperatura, gravità, atmosfera. C’erano, insomma, tutte le comodità.
«Katie...» disse John.
«Sono tua, bel fustone».
John si ripromise di abbassare qualche livello del programma, al suo ritorno dal bar e dall’area meccanici.
«Devi pensare alla protezione del Nadyria mentre sono via. Sei operativa?»
Una serie di scatti attivarono ingranaggi e forza meccanica. Due forme sferiche ai lati del corridoio che dava sull’uscita ruotarono. Vennero in fuori. Scoprirono due cannoni laser telescopici, che si svilupparono in avanti.
John se li trovò puntati addosso.
«Sei la solita esibizionista. Bastava rispondere ».
«Vai tranquillo, caro. L’antifurto è attivo».
Il ponte scese e John sbarcò. Subito dopo il portello si richiuse e il ponte risalì: Katie rimaneva di guardia.
Attraversò l’enorme piazzale di parcheggio, passando in mezzo alle altre astronavi ferme. Sopra di lui, altissimo, c’era l’alone azzurrino della barriera, che schiariva il nero cielo stellato.
Vide due titaniani che discutevano, vicini al loro cargo. Si riconoscevano dalla tuta da minatore e dal dispositivo coi filtri che indossavano quando non erano su Titano. Aver modificato geneticamente le nuove generazioni di coloni su quella luna era stata una mossa astuta, ma se nel resto del sistema solare si continuava a diffondere l’aria della Terra, la mossa astuta diventava un handicap.
Comunque John arrivò davanti alla porta del bar. Pensò al vecchio west e al suo cappello da cowboy. La porta del Saloon, a quei tempi, si apriva in maniera bizzarra. Ma di questo non era del tutto sicuro, forse era così solo nei film.
La porta pneumatica si aprì scorrendo dentro la parete. E lui entrò.
Notò subito la barista. Come si faceva a non notarla, era molto bella. Anche lei puntò gli occhi su di lui, ma questo era ovvio, arrivava un altro cliente.
Comunque su di lui, puntarono gli occhi anche tutti gli avventori, che poi non erano molti. C’era un titaniano seduto a un tavolo e, visto che aveva davanti due bicchieri vuoti oltre a quello che teneva in mano, doveva essere il compagno di quelli che discutevano fuori. Poveraccio! Beveva con una specie di cannuccia innestata nella maschera a filtro.
Poi c’era una famiglia di turisti, padre, madre e due bambini. Gente benestante, che poteva permettersi una nave personale per le proprie vacanze. In fondo, nella penombra, c’erano due camionisti della Terra. Non li conosceva, ma per spirito di appartenenza gli fecero un cenno di saluto che lui ricambiò. Al tavolo più vicino al bancone, infine, sedevano due poliziotti. La loro lancia di pattuglia ferma nel piazzale non si poteva non notare. I poliziotti non gli erano simpatici. Quelli corrotti dalla Compagnia lo lasciavano sempre tranquillo, ma quelli comprati dalle altre compagnie portavano solo guai. Questi lo scrutarono e non dissero niente. A quale categoria appartenevano?
In un angolo solo al tavolo, in ombra, c’era un tipo misterioso. Un asiatico, completamente vestito di nero, molto elegante. Forse si trattava di un uomo d’affari, anche se era troppo atletico per esserlo.
John si avvicinò al bancone e si appoggiò sui gomiti.
«Cosa bevi, biondo?» disse la barista.
«Dammi un whiskey, bellissima».
Lei si girò, prese la bottiglia dallo scaffale e gli riempì il bicchiere.
«Ecco» gli donò un sorriso, «sono due crediti, qui si paga subito».
«Mi sembra giusto» disse lui e tirò fuori di tasca una scheda elettronica, la passò a lei e bevve, tutto d’un fiato.
«Ho un problema coi vaporizzatori di carico, appena esco di qui vado dai meccanici. Ma per i soldi devo parlare con te, come nelle altre stazioni, vero?»
«Per le riparazioni, per il rifornimento, per bere, mangiare e per dormire. Passa tutto da me, ma non credere che io sia la padrona della baracca, qui».
«Che ci fa una bella donna come te in un posto come questo, lontano da tutto e da tutti?»
«Fammi un’altra domanda».
«Cosa fai stasera?»
«Quello che faccio ora, mi trovi dietro al bancone, biondo. O devo chiamarti in un altro modo?»
«Chiamami John, mi chiamano tutti così, da quando sono nato».
«Kirsten».
«Incantato» questa volta sorrise lui. Poi, con un veloce dietro front, si diresse all’uscita. Senza dire altro.
(il racconto continua su Delos Digital)

lunedì 18 febbraio 2019

Google+ chiude



La Battaglia tra Facebook e Google+ io me la immagino così: due cavalieri che si sfidano a singolar tenzone per accaparrarsi milioni di utenti.

Purtroppo ha vinto Facebook. Era inevitabile, era partito per primo e chi parte per primo ha sempre un bel vantaggio. Anche se non sempre il vantaggio è sufficiente, vedi il caso di Yahoo!

La struttura di Google+ era la più simile a Facebook che si potesse trovare tra i social, praticamente differiva quasi esclusivamente per i colori dominanti: rosso e bianco, invece di azzurro e bianco. Era più pratico dell’ostico Twitter, che invece oggi gode di ottima salute. Aveva le sue carte da giocare, ma ha avuto sfortuna.

A me dispiace, perché con l’account Google puoi far tutto in pochi click: gestisci Blogger, archivi i tuoi dati su Drive, trovi sempre la strada giusta con Maps e cambi la pagina iniziale di Mozilla Firefox con Google.it (perché non uso Google Chrome? Perché amo la volpe di fuoco!).

Fino al 2 aprile si può ancora socializzare col fu social Google+, ma ormai il tempo sta per finire.

L’azzurro ha sconfitto il rosso. E pensare che avevo cancellato il mio account Facebook perché tanto ne avevo uno su Google+…

Tuttavia già impazzano in rete gli articoli su una possibile chiusura di Facebook… chissà, avrò questa piacevole soddisfazione? Saranno le solite fake news o è realtà?

sabato 9 febbraio 2019

Clade


La Roma Imperiale, nell’anno di Mitra 1497, era giunta al massimo livello del suo splendore. Accanto al Pantheon, al Circo Massimo, al Colosseo, all’Arco Mitraico di Costantino, erano sorte altre strutture realizzate solo in parte in marmo e pietra, come nella tradizione arcaica. Il materiale più impiegato ultimamente, grazie ai congegni meccanici mossi dall’energia elettrica, era il ferro. Certo, la ruggine aveva dannato i filosofi matematici per un certo tempo, ma poi tutto si era risolto con l’impiego dell’ossido di piombo.
I cieli di Roma erano sorvegliati da dirigibili a vapore e propulsione mitraica che sorvolavano strade affollate da cittadini che si spostavano a piedi o su Birotus elettrici. La criminalità e il pericolo del fuoco erano tenuti sotto controllo dai Vigiles, grazie ai loro Plaustrum iperattrezzati. E riuscivano bene in entrambe le cose.
Il nuovo Senato Imperiale, costruito interamente in ferro, era dieci volte più grande della Curia Iulia. Al suo interno, l’Imperatore Flavio Cassio Cesare Quirinio Augusto, ascoltava gli interventi dei patrizi e dei tribuni della plebe in merito alla crisi in Amentus Magna.

venerdì 1 febbraio 2019

Solo vs Rendar



Perché non hanno fatto uno spin-off su Dash Rendar? E perché hanno voluto girare a tutti i costi uno spin-off su Han Solo con un attore che somiglia a Leonardo DiCaprio?
Dash Rendar è un clone del personaggio più azzeccato da George Lucas, quello che nella prima stesura della Saga doveva essere un alieno rettiliano e che alla fine incontrò Harrison Ford, diventando un mito: Han Solo!
Perché la Disney si è ostinata nella direzione kamikaze che l’ha portata al flop?
Il film Solo è un buon film, manca solo Han Solo. Manca il vero Han Solo per rendere il film un capolavoro. Purtroppo il tempo è un nemico inesorabile e chi ha dato un volto al personaggio non è più in grado di rappresentarlo da giovane.
Forse si sarebbe potuto ricorrere alla computer grafica, la Disney l’aveva già fatto con Tron Legacy per rendere un Kevin Flynn giovane (anche se alter ego malvagio). Oppure tutto si poteva bypassare pescando nell’universo della fu LucasArts. Si poteva scegliere il protagonista del vecchio Shadows of the Empire, si poteva scegliere Dash Rendar!
Dash ha un’astronave corelliana, l'Outrider, molto simile al Millemnium Falcon… ha un secondo pilota di latta, totalmente privo di peli, ma comunque caratteristico.
Si poteva tentare. E magari, grazie alla computer grafica, si poteva regalare ai fans un cameo con Han e Chewbecca, che avrebbe proseguito la piacevole linea di Rogue One.
Peccato, sarà per un’altra volta...